Menu Chiudi

Cancellazione del rumore

Un nuovo ciclo per il progetto RiA

A cura di Giada Bamundo, Dennis Dalla Bona, Alessia Gandolfi, Gianluigi Sillano, Roberta Troisi, Cristian Zagan

Malgrado le grandi difficoltà e gli ostacoli che la didattica e le attività scolastiche stanno incontrando in questo periodo, è a buon punto un nuovo ciclo del progetto. Qui di seguito, uno dei problemi proposti dai nostri (meravigliosi) tutor.

La cancellazione del rumore è un sistema che permette di separare, ripulire un segnale (un mezzo di trasmissione delle informazioni) che può essere acustico, multimediale, numerico ecc. dal rumore ambientale indesiderato. 

Con il termine rumore si intende un secondo segnale che si sovrappone all’informazione utile, il quale se non viene ridotto, o nel migliore dei casi rimosso, disturba la ricezione della comunicazione originaria.

Per poter procedere con la risoluzione del problema, è necessario individuare se il segnale è analogico o digitale, in quanto il primo è una funzione che varia con continuità nel tempo, mentre il secondo è il messaggio convertito in simboli, infatti è conosciuto anche come segnale numerico. 

Un segnale numerico x è una sequenza di campioni che viene matematicamente rappresentata come un vettore x[n] che li contiene e una delle operazioni fondamentali per l’elaborazione di questo è la progettazione di un filtro, ovvero un sistema lineare e tempo-variante in grado di modificare il segnale d’ingresso in una sequenza di uscita y[n]

Il filtro svolge una serie di funzioni, il cui insieme è denominato filtraggio, attraverso l’implementazione di un algoritmo. 

Sarà proprio questo filtro a permettere la cancellazione del rumore, attraverso un programma automatico all’interno del quale sono inseriti tutti i calcoli matematici eseguiti, tradotti nel linguaggio specifico.

Il problema proposto dal nostro tutor, professor Danilo Comminiello, è proprio quello di sviluppare un algoritmo e realizzare una piccola applicazione, che implementi un filtro cosiddetto adattivo e di usarlo sul campo per ripulire reali segnali registrati per mezzo di vari dispositivi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *