Menu Chiudi

Notte europea della ricerca

NET - Science Together

Venerdì 24 settembre prossimo riprende, dopo la sospensione del 2020, la Notte europea delle ricercatrici e dei ricercatori. Dal 2005, in 400 città, milioni di visitatori in tutta Europa possono incontrare uomini e donne dediti alla ricerca.

A Roma, organizzata dalla rete Scienza insieme, la notte si dilata fino a riempire di eventi la settimana dal 20 al 24 settembre. Anche grazie al contributo di ragazze e ragazzi del liceo scientifico G.B. Grassi che, coinvolti nel progetto RiA – Research in Action, gestiranno un area dedicata a laboratori e attività ludiche: la Ludoteca della scienza il 21 settembre dalle 10.00 alle 16.00.

Attenzione: le attività previste a Roma sono state annullate. Le stesse attività verranno proposte venerdì 24 settembre, dalle 15.00 alle 17.00, presso il liceo scientifico G.B. Grassi per i soli studenti e docenti interni alla scuola. Per prenotare inviare un messaggio di posta elettronica a nottedellaricerca@liceograssilatina.org specificando l’attività scelta e il numero di partecipanti.

Ludoteca della scienza

Vestire i panni di un ricercatore per esplorare l’infinito panorama della fisica, tentare di debellare un’epidemia che sta flagellando il pianeta cercando la cura migliore, programmare l’uso di risorse e progettare la produzione di energia per soddisfare le esigenze del paese attraverso uno sviluppo sostenibile, correre per vincere una gara quantistica …

Tutto questo, e altro ancora, comodamente seduti davanti a un gioco da tavolo!

L’attività è consigliata per giovani dai 7 ai 99 anni (e si adatta all’età dei partecipanti).

Le attività

Giochi da tavolo di ambientazione scientifica

Pandemic

Pandemia

Età 7-18 2-5 partecipanti

In Pandemic fate parte di una squadra il cui compito è arginare l’avanzata di quattro malattie letali, trovando allo stesso tempo le loro cure. Assieme ai vostri compagni di squadra viaggerete per tutto il globo nel tentativo di arginare le contaminazioni e alla ricerca delle risorse necessarie per le cure. Dovrete fare gioco di squadra per riuscirci. Il tempo scorre in fretta: focolai ed epidemie accelerano la diffusione delle malattie.

Pandemic è cooperativo, tra i migliori del suo genere, e i giocatori sono invitati a elaborare strategie tutti insieme … ma in fretta, l’epidemia non rallenta!

Pandemia: la cura

Età 8-18 2-4 partecipanti

Una partita si prepara in meno di un minuto e si gioca in 30 minuti. Quattro malattie minacciano il mondo e il compito di salvare l’umanità spetta alla vostra squadra, i giocatori dovranno sfruttare al meglio le loro specializzazioni se vogliono sperare di vincere la partita. Ma c’è poco tempo, ogni volta che scoppia un focolaio la malattia si diffonde nelle regioni adiacenti. Se i giocatori riescono a scoprire le cure delle quattro malattie, vincono tutti assieme e l’umanità è salva! Pandemia, la cura è un gioco da tavolo cooperativo che richiede ai giocatori di pianificare le loro azioni per intervenire efficacemente e raggiungere l’obiettivo: nient’altro che salvare il mondo!

Quantum, il gioco da tavolo

Quantum

Età 8-18 3-4 partecipanti

Una recensione completa del gioco è presente sul sito della Tana dei Goblin.

La scoperta del Quantum esadimensionale, il Quantum D6 ha spinto l’umanità a distruggere il pianeta pur di ottenere fino all’ultima goccia di energia. Pochi superstiti si sono messi in salvo su astronavi alimentate con questa incredibile fonte di energia e capaci di piegare le leggi della quantistica a proprio uso ma che hanno bisogno di interi pianeti per alimentare i propri motori. Nei panni di una delle quattro fazioni dell’umanità, lottiamo con le nostre flotte di navi per costruire cubi Quantum con cui estrarre l’energia che ci consente di sopravvivere. Un gioco dal sapore quantistico, con astronavi che si trasportano da un angolo all’altro della galassia e che si trasformano in un continuo collasso della funzione d’onda che le descrive!

Seven Bridges: un esempio di gioco

Seven Bridges

Età 12-18 2-6 partecipanti

Il problema dei sette ponti di Königsberg non cessa di affascinare matematici e non matematici! In Seven Bridges i giocatori si batteranno per costruire il percorso migliore e più interessante attraverso il centro dell’antica città tedesca. La mappa di gioco infatti riporta vie, ponti ed edifici della città.

Un boardgame semplice ma che rappresenta un ottima introduzione alla teoria dei grafi.

Photosyntesys

Photosyntesys

Età 10-18 2-4 partecipanti

Come fare per far crescere una foresta? Come far sì che i nostri alberi siano rigogliosi, alti e capaci di diffondersi e riprodursi. Si dovrà curare la crescita di ogni pianta sin dalla scelta del punto in cui porre il seme fino a quando giungerà il tempo per tagliare l’albero in modo da far posto a nuovi giovani arbusti.

Leaving Earth

Leaving Earth

Età 15-18 2-8 partecipanti

Leaving Earth permette di ricreare la corsa allo spazio della seconda metà del ‘900. I giocatori, nei panni di fisici e ingegneri delle principali agenzie spaziali del pianeta, dovranno sviluppare le tecnologie necessarie alla costruzione di veicoli spaziali capaci di raggiungere l’orbita terrestre, poi di lanciarsi verso la Luna e infine, chissà, raggiungere Marte. Il gioco è tutt’altro che banale, le manovre per far volare le sonde e le capsule devono essere programmate con cura e le tecnologie vanno testate con cura per evitare incidenti mortali.

Stone Age

Stone Age

Età 10-18 2-6 partecipanti

In Stone Age i giocatori rivestiranno il ruolo di capi tribù impegnati a far crescere e prosperare il proprio villaggio destreggiandosi tra la necessità di cibo e il desiderio di scoprire e utilizzare nuove tecnologie. Ha un elegante sistema di piazzamento che richiede al giocatore di pianificare l’impiego della propria gente prima che uomini e donne lascino il villaggio per lavorare.

Santorini il gioco da tavolo

Santorini

Età 10-18 2-4 partecipanti

Un gioco esteticamente gradevole e totalmente indipendente dal caso. Regole estremamente semplici ma capaci di dar vita a un gioco profondo e strategico. Ogni giocatore ha a disposizione due lavoratori (uno solo se si gioca in quattro) e lo scopo è di riuscire a raggiungere il terzo piano di un edificio in costruzione: il gioco è tutto qui! Ma la scelta della strategia sarà tutt’altro che semplice e richiederà un’attenta pianificazione delle mosse e una profonda capacità di modificare le proprie scelte per rispondere efficacemente alla strategia dell’avversario.

Laboratori

I ponti di Quackenberg

Quattro passi in centro

Età 7-18 1-6 partecipanti

Un’introduzione alla topologia alla scoperta, guidata ma non troppo, del teorema di Eulero. Si parte dal problema dei sette ponti di Königsberg e si suggerisce un percorso graduale per stimolare la ricerca di una soluzione, quanto più generale possibile, attraverso esempi via via più complessi. Le scoperte serviranno a risolvere il problema iniziale.

La vignetta iniziale della storia Paperino e i ponti di Quackenberg
tratta da Topolino n. 3232, storia che racconta, nei modi consueti per la Disney, il problema dei sette ponti di Königsberg (Editore PANINI SpA). ©Disney

È possibile approfondire questa attività e reperire materiale nel nostro laboratorio Topologia e teoria dei grafi. Per giocare con la teoria dei grafi c’è anche Seven Bridges!

Il pannello di una macchina Enigma

La macchina Enigma

Età 11-18 2-6 partecipanti

Primi passi nella crittografia: la cifratura per sostituzione, per frase chiave. La decrittazione usando l’analisi delle frequenze di testi preparati appositamente e con l’aiuto di qualche pc e delle nostre ragazze e ragazzi. La cifratura e decifratura con Enigma usando la nostra versione della macchina, costruita solo con carta e forbici.

È possibile approfondire questa attività e reperire materiale nel nostro laboratorio Crittografia. Il simulatore di macchina Enigma è qui.

Il modello del mercatino

Perché la società è ingiusta?

Età 14-18 2-6 partecipanti

Il laboratorio guida i partecipanti all’analisi delle economie nelle società moderne utilizzando il Modello affine per la distribuzione della ricchezza. Perché nella maggior parte dei paesi industrializzati la ricchezza si distribuisce prevalentemente nelle tasche di pochi individui? E quali sono i fattori che determinano tale disuguaglianza?

I partecipanti saranno guidati alla simulazione di alcune situazioni, confrontando i risultati del modello con la realtà, e poi lasciati liberi di discutere le implicazioni delle loro scoperte.

È possibile approfondire questa attività negli articoli Perchè la società è ingiusta? e Un laboratorio per cittadinanza e costituzione su questo stesso sito.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *